You are currently browsing the category archive for the ‘estemporanea’ category.

Insalata di orzo, agretti e gamberi

Piu’ che altro un esperimento per testare gli agretti: fresca scoperta culinaria.

Sabato infatti curiosando tra i banchi del mercato ortofrutticolo di Torino, mi sono imbattuto in una bancarella coperta di mazzi di una strana verdura, il gentile commericante mi ha spiegato trattarsi di agretti (o Barba del Frate). Una pianta commestibile primaverile che si coltiva nella zona di Roma. Naturalmente ne ho preso un mazzo (60 cents…:-) e per testarli abbiamo elaborato una semplice insalata tiepida con orzo perlato e code di gambero.

Per 2 Persone:

150 gr di orzo perlato
1 mazzo di Agretti
200 gr di code di gambero
Olio evo
sale
salsa di soia
limone

Cuocere l’orzo in acqua bollente (15 min. in pentola a pressione). Saltare le code di gambero sgusciate in aglio, olio e sale per un paio di minuti. Sbollentare per pochi minuti gli agretti lavati in acqua salata.
Mischiare, condire con olio, salsa di soia e limone.
Consumare tiepida.

Gli agretti hanno un sapore delicato, ricorda lo spinacio e, se cotti al dente, mantengono una gradevole consistenza.

Ingredienti per 1 “scatola” (1 persona):

1/2 fetta di pesce spada spesse 1.5 cm

1/2 melanzana lunga

3 foglie di vite

1/2 fetta sottile di limone

origano e peperoncino

olio

La scatola: la scatola consiste nell’impacchettamento degli ingredienti nelle foglie di vite. Le foglie, da scegliere abbastanza larghe, andrebbero tenute in acqua e sale per un paio di giorni. In tal modo si ammorbidiscono e si lavorano meglio

Il pesce spada: la 1/2 fetta va privata della pelle e tagliata a strisce di sezione quadrata

Le melanzane: vanno tagliate in lungo, salate, fatte spurgare e grillate sulle piastra

Il limone: le fettine rotonde vanno tagliate radialmente a microspicchietti

…E’ tutto pronto. Posizionare tre foglie di vite su un tagliere, disponendole per lungo e leggermente sovrapposte. Stendervi sempre per lungo le strisce di pesce spada alternate con delle strisce di melanzane. Tra melanzane e pesce mettere qualche microspicchietto di limone. Spolverare di origano e peperoncino e bagnare con un filo d’olio d’oliva. Richiudere il pacchetto sovrapponendo i lembi delle foglie di vite e rigirarlo in modo da tenere i lembi stessi verso il basso in posizione piegata.

Per la cottura…io li ho schiaffati sul barbecue ed erano sublimi: attenzione, cuocere 10 minuti per lato ai bordi della griglia (lento lento) poi schiaffare al centro e far strinare le foglie. Penso che in forno venga benissimo…Quando le foglie sono belle crostose si taglia su tre lati la parte superiore…ed ecco che si apre la scatola verdina sprigionando un appetitosissimo odore acidulo.

N.B. L’idea delle foglie di vite col pesce dentro mi è venuta leggendo il libro di Steven Raichlen… lui ci schiaffa dentro del salmone con noci pestate ed altro…slurp. Eccovi un bel link http://www.barbecuebible.com/

Che dire, è una tecnica per fare torte saporite e colorate, ideali per le feste dei bambini…a proposito tu ed Anne…non è che…? non è che mi devo fare gli affari miei ? Sara’ meglio. Ecco le dosi per un bel tortino salato (mi sa che lo conosci)

1 sfoglia di pasta…sfoglia

- per il sottofondo :

2 patate di medie dimensioni

1 uovo

un pugno di parmiggiano reggiano grattato

noce moscata

- per la guarnitura

tanta fantasia e p.esempio

2,5 hg di salsiccia

un bel ciuffone di broccoli

- lessare le patate, spellarle e spiaccicarle con la forchetta. Se le si passa al setaccio il tutto rimarrà morbidissimo. Aggiungere l’uovo, il grana, la noce moscata quanto piace ed amalgamare delicatamente sino ad ottenere un composto morbido ed omogeneo.

- stendere la sfoglia su una teglia (carta da forno…imburrata…come vi pare) e spalmare il composto sul fondo, cosi’ da formare un sottofondo uniforme da circa 1.5 cm. Il sottofondo si fara’ carico di assorbire tutto il grassetto che colera’ dalla guarnizione e quando vi sparerete in bocca una bella fettazza vi godrete la sugna nel tutto e per tutto senza sbrodolazzi!

-Lessare i broccoli (a me piaciono al dente) e spiccare i ciuffi. Svuotare la salsiccia e cominciare a disporre sul sottofondo il primo giro di broccoli tutto in tondo con i fiori verso l’esterno. Con la salsiccia si disporrà il secondo giro spiaccicandola un pochetto senza creare strati troppo spessi…e via con il terzo giro a base di broccoli ed il quarto a base di salsiccia fino ad arrivare al centro.

-Buttare in forno a 180°C per 25-30 minuti massimo. Occhio alla cottura della sfoglia ed infine grillare per cuocere le salsizzette (non troppo senno’ si strinano i broccoli).

Siamo daccapo…è un’idea che si presta a millioni di variazze…te la lancio li’: pesce?

Tagliare il petto di pollo a dadini e farlo saltare in abbondante soffritto di cipolla. Aggiunge il latte di cocco e spolverizzare con curcuma e garam masala. Portare a cottura.

Preparazione estemporanea, l'intenzione era la pasta con cipollotto e pecorino ma non avendo trovato il cipollotto ho cambiato ingredienti.

Per 2
5/6 friggitelli
2 cipolle di tropea

Tagliare le cipolle a julienne e metterle in acqua fredda per moderarne il sapore.
Tagliare i friggitelli a julienne e saltarli in padella con olio, aglio e sale.
Cuocere al dente la pasta e passarla nella padella con i friggitelli e le cipolle scolate. Finire con fettine di peperoncino fresco.

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.